Google
 

  Home Page

  Come Arrivare

  Archeologia

  Chiese e Santuari

  Escursioni

  Hotel Gargano

  Laghi

  Musei

  Parco Nazionale

  Photo Gallery

  Isole Tremiti

  Link

 

  Rodi Garganico

  San Menaio

  Peschici

  Vieste

  Mattinata

  Manfredonia

  Apricena

  Cagnano Varano

  Carpino

  Ischitella

  Lesina

  Monte S. Angelo

  Poggio Imperiale

  Rignano G.

  San Giovanni R.

  San Marco in Lamis

  Sannicandro G.

  Vico del Gargano

ESCURSIONI SUL GARGANO


200 chilometri di...meraviglie!
Non un esagerazione: i 200 chilometri di costa garganica, in cui si alternano, similmente a un concorso di bellezza, spiagge, baie, grotte, cale, faraglioni con al largo il paradiso naturale delle Isole Tremiti, risultano tra i pi incantevoli e variegati dell' intero Mediterraneo, non avendo nulla da invidiare nemmeno a paradisi esotici molto blasonati.
Esplorare la costa garganica a bordo di gommoni, canoe, barche a vela, motonavi un' esperienza da non perdere: il tratto di costa pi suggestivo sono i 40 Km di costa alta e frastagliata impreziosita da lussureggiante macchia mediterranea tra Mattinata e Vieste.
Il porticciolo di Mattinata, situato a un paio di chilometri dal centro abitato, pu essere sicuramente preso come riferimento per cominciare un'escursione in barca.
A nord di Punta Grugno c' la bellissima e frequentatissima spiaggia di Mattinata, la pi grande, alle cui spalle si estendono uliveti, mandorleti e agrumeti, e tante altre spiaggette accessibili via mare, tra cui la famosa spiaggia Gabbiani, lido incontaminato meta tutto l'anno di una numerosa popolazione di gabbiani.
Dopo Mattinata, superata Punta Agnuli, c' la caratteristica spiaggia di Mattinatella, molto frequentata da turisti stranieri e in particolari tedeschi;
A nord di Mattinatella, subito dopo il centro turistico Fontana delle Rose di Mattinatella, si arriva verso uno dei posti pi noti del Gargano, Baia delle Zagare, detta anche baia dei Mergoli, una profonda insenatura, caratterizzata dall'acqua cristallina del mare e da due faraglioni verticali, "Arco di Diomede o Le Forbici e la finestrella dei sogni", erosi dalle acque che affiorano a pochi metri dalla riva e dalla scogliera a strapiombo.
Il nome della baia deriva dall' antico aranceto presente dove ora sorge l' omonimo albergo: il fiore dell'arancio detto per l'appunto zagara. Qui la costa molto scoscesa e per raggiungere il mare via terra possibile utilizzare gli ascensori scavati nella roccia dell' albergo "Baia delle Zagare", che si trova al di sopra della baia.
Lasciando baia delle Zagare, proseguendo verso nord, si nota subito un deciso cambiamento: agli uliveti e agrumeti si sostituisce la tipica vegetazione della macchia mediterranea, in particolare pini.
Dopo Baia delle Zagare, in particolare fino a Vignanotica, la costa caratterizzata da un numero impressionante di grotte marine, veri capolavori della natura, scavate nella roccia calcarea.
A Nord della Baia delle Zagare, troviamo la Grotta Rossa o Dellocchio magico, il cui ingresso formato da un breve e stretto corridoio, che improvvisamente si allarga su una piccola spiaggetta interna (illuminata da una piccola fessura nella roccia) con acque limpidissime e di colore azzurro smeraldo.
Proseguendo, dopo le grotte delle Due Finestre e DellArco Maggiore, ci si trova nella Grotta del Serpente: sicuramente stupefacente per come gli agenti atmosferici hanno modellato la roccia: al suo ingresso, in alto, non difficile riconoscere nella roccia scavata le sembianze di un rettile, in particolare un cobra.
Nella punta nord delle Zagare, troviamo una delle pi famose, Grotta Campana, alta ben 47 metri , con una circonferenza interna di circa 250 metri, cos denominata perch l'erosione millenaria degli agenti atmosferici le ha dato la caratteristica forma a campana. Quando la luce riesce a far capolino con una certa insistenza nella grotta, i suoi riflessi combinati con i colori delle rocce danno vita a colorazioni suggestive.
La Grotta Campana, nota anche come la Rotonda o il Pantheon garganico, presenta uno scenario incantevole: all' interno tutto un susseguirsi di meravigliosi e variegati colori, dovuti alla luce riflessa dal mare sulle pareti levigate e marmoree
Stupenda anche la vicina Grotta dei Pipistrelli (a 200 mt. dalla Grotta Campana), larga una decina di metri, detta anche Grotta Smeralda o ancora Grotta Tavolozza poich le pareti ed il soffitto, grazie alle rifrazioni e riflessioni della luce solare, offrono un susseguirsi di colori straordinariamente vari e intensi. L'uscita dalla grotta porta diretti nella cala di Vignanotica, una delle pi belle dell' intero Gargano.
Proseguendo verso Vieste, dopo cala della Pergola, con la relativa grotta e il faro, ci si trova nella baia di Pugnochiuso, splendido centro turistico, cos denominato per la sua somiglianza ad un pugno chiuso, con il Centro Vacanze, dove si apre la Grotta Calda, molto grande, caratterizzata da un' alta temperatura interna dovuta ad una sorgente di acqua calda.
Proseguendo verso Nord, nelle vicinanze della baia, possibile visitare varie grotte, tra cui la Grotta dei Marmi, con le sue pareti lisce come il marmo, la Grotta dei Sogni o delle due Stanze, la Grotta delle Sirene, la Grotta dell'Amore e la Grotta del Faraone.
Proseguendo ancora, si incontra un'altra baia, Cala Sanguinaria, con la Grotta dei Colombi, in passato abitata dai colombi. Ed ancora la Grotta Due Occhi, il cui nome deriva dalle due fessure che si trovano sulla sommit della grotta.
Superata la Torre di Campi si arriva la Baia di Campi, un' altra insenatura dall' aspetto suggestivo, dove troviamo Grotta Sfondata, caratterizzata da due ingressi che conducono su una piccola ma incantevole spiaggia, cos chiamata perch la volta completamente inesistente. Suggestiva sono anche la Grotta Viola,le cui pareti presentano suggestive sfumature violacee, e la Grotta dei Pomodori: al suo ingresso, sulla roccia, si nota escrescenze di colore rosso, simili pomodori.
Continuando troviamo la Grotta dei Contrabbandieri, dai due sbocchi, ignari ad alcuni finanzieri che pensavano di aver intrappolato alcuni contrabbandieri, e la Grotta Campana Piccola, e poi l' imponente Testa del Gargano, il punto pi orientale del promontorio del Gargano. Infine celeberrimo l'Architiello di San Felice, famoso anche perch teatro di una nota pubblicit televisiva.


disclaimer  -  Privacy  -  contatti