Google
 

  Home Page

  Come Arrivare

  Archeologia

  Chiese e Santuari

  Escursioni

  Hotel Gargano

  Laghi

  Musei

  Parco Nazionale

  Photo Gallery

  Isole Tremiti

  Link

 

  Rodi Garganico

  San Menaio

  Peschici

  Vieste

  Mattinata

  Manfredonia

  Apricena

  Cagnano Varano

  Carpino

  Ischitella

  Lesina

  Monte S. Angelo

  Poggio Imperiale

  Rignano G.

  San Giovanni R.

  San Marco in Lamis

  Sannicandro G.

  Vico del Gargano

CHIESE e SANTUARI del GARGANO


Sicuramente il Gargano pu essere identificato come una terra in cui il messaggio cristiano penetrato con notevole efficacia. Ci dovuto a diversi fattori: da un lato queste zone sono state tra le prime in Italia a conoscere e diffondere il verbo Cristiano, dall' altro straordinari personaggi (pensiamo soprattutto a Padre Pio) hanno contribuito a rendere queste zone mete di pellegrini da tutto il mondo.
Questo straordinario patrimonio religioso si traduce in una serie lunghissima di santuari e luoghi sacri, che rivestono un ruolo importante da un punto di vista artistico, storico, e culturale, oltre ad ad assumere una importanza meramente religiosa per i credenti.
Semplificando, possiamo identificare due grandi mete di pellegrinaggio: una che coinvolge la grotta di San Michele Arcangelo di Monte Sant'Angelo, dove secondo la tradizione l'arcangelo Michele apparve nel 490, 492 e 493 d. C., l'altra che, da 50 anni a questa parte, vede protagonista il Santuario di Santa Maria degli Angeli che stato dimora ed oggi "tomba" del celeberrimo Padre Pio da Pietrelcina.

Santuario di San Michele di Monte Sant'Angelo
Il Santuario di San Michele costruito nella grotta dove tra il 490 ed il 493 avvenne, secondo la tradizione, l'apparizione dell'Arcangelo ad un pastore. La prima apparizione viene detta del "Toro" (perch avvenne in seguito alla sparizione di un toro che and a rifugiarsi nella grotta poi consacrata all' Arcangelo), la seconda della "Vittoria" (perch in un momento di estrema difficolt della citt cristina di Siponto, assediata dai pagani comandati da Odoacre, in seguito a 3 giorni di preghiera e penitenza l' Arcangelo intervenne abbattendo un violento temporale, di sabbia e grandine, sulle truppe di Odoacre, che furono costrette al ritiro), la terza della "Dedicazione" quando il 29 settembre del 493 lArcangelo apparve al Vescovo Lorenzo Maiorano per annunciargli che non occorreva nessuna consacrazione della grotta, poich laveva gi fatto egli stesso, aggiungendo "Entra e con il mio aiuto innalza preghiere e celebra il Sacrificio. Io ti mostrer come io stesso ho consacrato questo luogo". Il vescovo obbed, e all'entrata l'impronta di un piede infantile conferm la presenza dell'arcangelo Michele. Lorenzo edific una chiesa all'entrata della grotta e il 29 settembre di ogni anno fu il giorno dedicato a s: Michele. Il santuario, da un punto di vista storico, affonda le proprie origini intorno al VI secolo, e nel corso dei secoli stato oggetto di saccheggi e distruzioni che, in seguito alle successive ristrutturazioni, ne hanno mutato l'originaria struttura.
Lingresso attuale, con l'enorme mole del Campanile, di forma ottagonale, che si sviluppa per unaltezza di 27 metri, fu voluto dal re di Napoli Carlo I dAngi e dal figlio Carlo II. L'architettura gotica evidente nella facciata del santuario, opera di "mastro" Simone da Monte SantAngelo.
Per accedere allinterno si scende per la scala angioina, costituita da ben 89 scalini, al termine della quale ci si trova dinanzi alla Porta del Toro.
Poi si passa attraverso un piccolo atrio per poi fare ingresso al Santuario attraverso una porta bronzea di grande valore artistico (commissionate da Pantaleone di Amalfi e costruite a Costantinopoli nel 1706) sulla quale sono raffigurati eventi della Sacra Scrittura riguardanti lArcangelo Michele. La navata, commissionata nel 1273 da Carlo I d' Angi ai fratelli Giordano e Maraldo di Monte Sant' Angelo, in stile gotico, a 3 campate, con unaltezza massima di 15 metri e una lunghezza di una ventina di metri.
In fondo, nella zona absidale, posta la statua dell' Arcangelo, realizzata in puro marmo bianco, scolpita da Andrea Contucci, meglio conosciuto come il "Sansovino", nel 1507.
Dietro laltare, vi il pozzetto: incessantemente una goccia d'acqua, proveniente dalla roccia, vi cade dentro.
In corrispondenza dellantico ingresso alla Grotta, al di sotto della Basilica, in seguito a scavi archeologici che hanno portato alla luce oggetti di notevole interesse artistico (quali monete bronzee dell' epoca Imperiale e Bizantina, affreschi pagani e paleocrisitni) stato allestito un vero e proprio museo.


disclaimer  -  Privacy  -  contatti